Versamenti

Quando e come viene versata l'IMU?
Gli adempimenti dei contribuenti in materia di IMU sono sostanzialmente due:
  • Eseguire i versamenti alle scadenze dovute
  • Presentare la dichiarazione

Per questi adempimenti siamo però in attesa di conoscere nel dettaglio le modalità da utilizzare.
Per quanto riguarda i versamenti sappiamo che, come per l'ICI, dovranno essere effettuati in due rate scadenti entro il 16 giugno, pari al 50% dell'imposta annua dovuta, ed entro il 16 dicembre, pari al restante 50% dell'imposta annua dovuta. È confermata la facoltà del contribuente di provvedere al versamento dell'imposta complessivamente dovuta in unica soluzione annuale da corrispondere entro il 16 giugno. Per l'anno 2012, cadendo il 16 giugno di sabato, la scadenza è spostata al 18 giugno, mentre la scadenza del 16 dicembre (domenica) è spostata al 17 dicembre.
Il versamento dovrà essere effettuato esclusivamente tramite modello F24.
Quindi, a differenza dell'ICI, non potranno essere utilizzati i bollettini di conto corrente postale o altre forme di pagamento.
Si ricorda, d'altra parte, che il versamento tramite modello F24 è completamente gratuito e può anche essere eseguito on-line.
Per quanto riguarda invece la Dichiarazione, sappiamo invece ancora molto poco. Il legislatore infatti avverte che "Con uno o più decreti del Ministro dell'Economia e delle Finanze, sentita l'ANCI, sono approvati i modelli della dichiarazione, i modelli per il versamento […]".

Scadenze IMU


A chi viene versata l'IMU?
Una delle novità più rilevanti dell'IMU rispetto all'ICI riguarda la riserva a favore dello Stato di una quota (consistente) del gettito del nuovo tributo.
Ad eccezione infatti dell'imposta relativa alle abitazioni principali e ai fabbricati strumentali all'attività agricola (il cui gettito va interamente ai Comuni), la norma dispone che è riservata allo Stato la metà dell'imposta dovuta per tutti gli immobili applicando alla base imponibile l'aliquota dello 0,76%.
Quando saranno resi noti i codici da utilizzare per il versamento dell'IMU tramite modello F24, il contribuente dovrà perciò prestare molta attenzione nel calcolare esattamente l'importo da versare al Comune e l'importo da versare allo Stato.

Quali sono i codici tributo da utilizzare per il pagamento dell'IMU tramite il modello F24?
Con la Risoluzione n. 35/E del 12 aprile 2012 l'Agenzia delle Entrate ha reso noti i codici tributo per il pagamento dell'IMU tramite il modello F24. Eccoli:

  • 3912 IMU - imposta municipale propria su abitazione principale e relative pertinenze - articolo 13, c. 7, d.l. 201/2011 - COMUNE
  • 3913 IMU - imposta municipale propria per fabbricati rurali ad uso strumentale - COMUNE
  • 3914 IMU - imposta municipale propria per i terreni - COMUNE
  • 3915 IMU - imposta municipale propria per i terreni - STATO
  • 3916 IMU - imposta municipale propria per le aree fabbricabili - COMUNE
  • 3917 IMU - imposta municipale propria per le aree fabbricabili - STATO
  • 3918 IMU - imposta municipale propria per gli altri fabbricati - COMUNE
  • 3919 IMU - imposta municipale propria per gli altri fabbricati - STATO
  • 3923 IMU - imposta municipale propria - interessi da accertamento - COMUNE
  • 3924 IMU - imposta municipale propria - sanzioni da accertamento - COMUNE

La stessa risoluzione varia anche i vecchi codici per il versamento dell'ICI (da utilizzare soltanto nel caso in cui il contribuente dovesse mettersi in regola con i versamenti dell'ICI relativi all'anno d'imposta 2011 tramite l'istituto del ravvedimento operoso):

  • 3940 ICI per abitazione principale
  • 3941 ICI per i terreni agricoli
  • 3942 ICI per le aree fabbricabili
  • 3943 ICI per gli altri fabbricati

Restano invariati invece i codici per il versamento dell'ICI relativamente a sanzioni e interessi:

  • 3906 Interessi ICI
  • 3907 Sanzioni ICI