Su cosa si paga

Su che cosa si paga l'IMU?

il possesso di immobili, e quindi di fabbricati, aree edificabili e terreni agricoli. L'IMU si paga anche sull'abitazione principale. Per la definizione delle fattispecie imponibili, la legge rinvia alla disciplina dettata in materia di ICI dall'art. 2 del D.Lgs. 504/1992.
Quando andremo a calcolare l'IMU da versare sarà importante aver chiaro il "tipo" di fabbricato per il quale andiamo ad eseguire il calcolo. Ogni fabbricato fa parte infatti di una determinata categoria catastale che tiene conto delle caratteristiche e della destinazione d'uso del fabbricato stesso. Ecco la tabella delle categorie catastali.

A/1

Abitazione signorile

A/2

Abitazione civile

A/3

Abitazione economica

A/4

Abitazione popolare

A/5

Abitazione ultrapopolare

A/6

Abitazione rurale

A/7

Abitazioni in villini

A/8

Abitazioni in ville

A/9

Castelli e palazzi di eminenti pregi artistici o storici

A/10

Uffici e studi privati

A/11

Abitazioni tipiche dei luoghi


B/1

Collegi, convitti educandati ricoveri, orfanotrofi, ospizi, conventi, seminari e caserme

B/2

Case di cura e ospedali

B/3

Prigioni e riformatori

B/4

Uffici pubblici

B/5

Scuole e laboratori scientifici

B/6

Biblioteche, musei, gallerie, accademie, circoli ricreativi e culturali senza fine di lucro, che non hanno sede in edifici della categoria A/9

B/7

Cappelle e oratori non destinati all'esercizio pubblico dei culti

B/8

Magazzini sotterranei per depositi di derrate


C/1

Negozi e botteghe

C/2

Magazzini e locali deposito (cantine e soffitte con rendite autonome)

C/3

Laboratori per arti e mestieri

C/4

Fabbricati e locali per esercizi sportivi senza fine di lucro

C/5

Stabilimenti balneari e di acque curative senza fine di lucro

C/6

Stalle, scuderie, rimesse, autorimesse

C/7

Tettoie chiuse o aperte


D/1

Opifici

D/2

Alberghi, pensioni e residence

D/3

Teatri, cinematografi, sale per concerti e spettacoli e simili (arene, parchi-giochi)

D/4

Case di cura e ospedali con fine di lucro

D/5

Istituti di credito, cambio e assicurazione

D/6

Fabbricati, locali ed aree attrezzate per esercizio sportivi con fine di lucro

D/7

Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un'attività industriale e non suscettibili
di destinazione diversa senza radicali trasformazioni

D/8

Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un'attività commerciale e non suscettibili
di destinazione diversa senza radicali trasformazioni

D/9

Edifici galleggianti o assicurati a punti fissi del suolo e ponti privati soggetti a pedaggio

D/10

Fabbricati per funzioni produttivi connesse alle attività agricole

D/11

Scuole e laboratori scientifici privati

D/12

Posti barca in porti turistici e stabilimenti balneari

Tra gli immobili che dal 2012 sono oggetto d'imposta, vi sono anche i "fabbricati rurali", siano essi abitativi che "strumentali" all'esercizio dell'attività agricola (cioè utilizzati per il ricovero di attrezzi o macchinari agricoli). I fabbricati "rurali" che ancora si trovassero registrati al Catasto Terreni privi di rendita, devono essere regolarizzati iscrivendoli al Catasto Fabbricati con procedura Doc-Fa entro il 30 novembre 2012.

Per terreno agricolo si intende il terreno adibito all'esercizio delle attività indicate nell'articolo 2135 del codice civile, ossia dell'attività di coltivazione del fondo, di silvicoltura, di funghicoltura, di allevamento di animali e delle altre ad esse connesse.
Le riduzioni previste dall'ICI per i terreni agricoli posseduti da coltivatori diretti o da imprenditori agricoli, nell'IMU non sono previste. L'imposta viene pagata sull'intero valore del terreno.
Come accadeva per l'ICI, non rientrano nella definizione di terreni agricoli, i terreni "incolti" e i cosiddetti "orticelli".







Ulteriori Informazioni


Ufficio Tributi
Via Domenico Capitelli, 35
San Tammaro (CE)
telefono 0823-793449
fax 0823-793767
ufficio.tributi@comune.santammaro.ce.it